Mondo Dolomiti

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Vsmart Extensions
Home News Sicurezza sugli sci

Sicurezza sugli sci

E-mail Stampa PDF

 Sicurezza sugli sci

Grazie a materiali all’avanguardia, in grado di facilitare i progressi ed il divertimento in ogni condizione di neve e di pista, ecco che sempre più persone si appassionano ad alcune discipline classiche degli sport invernali, in particolar modo facciamo riferimento allo sci ed allo snowboard. Parallelamente ad una continua evoluzione dell’equipaggiamento, anche le piste e gli snowparks hanno fatto passi da gigante e quelli italiani sono a ragione considerati tra i migliori al mondo, eccellendo sia per i moderni impianti di risalita che per l’alto standard di sicurezza.
  
Eppure, nonostante tutto questo, gli incidenti e gli infortuni sono all’ordine del giorno, causati prevalentemente dall’imprudenza e dall’eccesso di sicurezza di molti appassionati sciatori e snowboarders che non tengono in considerazione alcune basilari regole di buon senso.
  
Prima di tutto, anche se l’obbligo del casco è stato sancito solamente per i minori di quattordici anni ( ed in tutti gli snowpark, a prescindere dall’età anagrafica), sarebbe auspicabile in futuro che ogni praticante, sia esso adulto o meno, lo utilizzasse sempre. Ricordiamo che i moderni caschi da sci, snowboard e freeride, vengono sottoposti a severi collaudi e test di tenuta, garantendo un altissimo standard di sicurezza, strumenti indispensabili per proteggere la testa in caso di caduta o impatto. Si consideri inoltre che il peso medio si aggira all’incirca sui 400 grammi, veramente poco se pensiamo che si tratta di un accessorio in grado di salvare la vita.
  
Locandina esposta alla partenza degli impiantiOltretutto, il casco tiene caldo, è bello esteticamente ed è ben areato. L’igiene non rappresenta un aspetto di secondaria importanza, tant’è che spesso le fodere della calotta e dei paraorecchi sono removibili e - quindi – facilmente lavabili.
  
Oltre al casco, esistono anche speciali protezioni per la schiena e per il torace, veri e propri “corpetti” in grado di assorbire gli urti in caso di caduta o di scontro contro qualche ostacolo.
Al di là di tutto, il buon senso dovrebbe impedire che si assumano atteggiamenti particolarmente rischiosi o velocità elevate in relazione all’ affollamento delle piste, alle condizioni del manto nevoso ed alle proprie capacità personali (oltre che di forma fisica).
  
Particolarmente interessante è l’opera di sensibilizzazione promossa dal comprensorio “Dolomiti SuperSki” insieme a due grandi campioni del presente, i fratelli Moeggl, i quali sono testimonials della campagna “Take care” presentando in un opuscolo informativo alcuni importanti suggerimenti spaziando dall’attrezzatura sino alle basilari regole di sicurezza. Un esempio? Mai sostare in mezzo alla pista e sotto ad un dosso!